web analytics
Crea sito
Quo vadis, Domine?

3 storie sorprendenti sul momento della morte

Cos’è una “buona morte”? Ecco tre storie vere che parlano della meraviglia degli ultimi momenti della vita.

1. Ci vediamo in cielo

Una donna vedova che partecipa con me a un gruppo di preghiera ha condiviso di recente questa storia sul marito.

Paul aveva un cancro e non si pensava che potesse sopravvivere a lungo. Ha avuto momenti di incoscienza per giorni. Dopo 18 anni, la moglie ha ricordato una scena di quei momenti.

“Non trovava pace, gemeva, muoveva le gambe e le braccia ma non diceva niente. Sembrava mezzo sveglio e mezzo addormentato. Ero seduta accanto al suo letto e gli tenevo la mano. Avevo appena finito di recitare alcune preghiere e stavo fissando le coperte.

Ha girato un po’ la testa ed è sembrato che guardasse l’orologio sul muro, e allora ho detto: ‘Paul, sono le sei e un quarto’.

È sembrato improvvisamente sveglio, e un grande sorriso si è dipinto sul suo volto. Gli occhi sono diventati grandi e ho capito che non stava affatto guardando l’orologio. Guardava molto intensamente a mezz’aria e ovviamente stava vedendo qualcosa, o qualcuno.

L’ho guardato piangendo e ho detto ‘Paul, ci vediamo in cielo’, mentre lui chiudeva gli occhi e moriva. È stato splendido. È stato un dono, e da allora non mi sono mai preoccupata della morte”.

2. Qui è bellissimo!

Il mio amico John era già rimasto vedovo undici anni prima. Ora la sua seconda moglie, Anne, aveva una malattia in fase terminale ed era stato allestito in salotto un letto d’ospedale per lei.

Tutto lasciava pensare che la sua vita non sarebbe durata ancora molto. Aveva smesso di manigare e di bere. Il parroco era stato lì la sera prima per darle l’estrema unzione.

John sedeva accanto al suo letto tenendole la mano mentre ascoltavano un CD di inni.

“Proprio quando mi sono reso conto che non canticchiava più ha gridato: ‘John! Qui è bellissimo!’ Poi ha smesso di respirare, e il suo volto ha assunto un’espressione estremamente pacifica. Non avrei potuto chiedere una morte più bella”, ha raccontato.

3. Judy, sei qui!

I figli di Elaine sono ancora grati per gli splendidi ultimi momenti vissuti dalla madre subito dopo la festa del Ringraziamento.

Elaine aveva sofferto a lungo di problemi cardiaci e la sua situazione era peggiorata. Il figlio John ha ricordato la sua stanchezza crescente e le difficoltà respiratorie. Anche parlare era diventato difficile per lei.

“Mia sorella era andata dal medico con mamma, e lui aveva raccomandato l’hospice. Mia madre, anziché esserne devastata e rifiutarlo, ha detto immediatamente: ‘Sarà un’occasione per amare i miei cari e pregare molto!”

“Ed è quello che ha fatto. I suoi amici andavano a trovarla e recitavano il Rosario con lei accanto al suo letto, guardava tutti i giorni la Messa su EWTN, un sacerdote andava a darle la Comunione alcune volte a settimana e mio padre le leggeva passi della Bibbia o di altri libri spirituali”.

“Non ha detto di no a nessuno che volesse andare a farle visita. Ha continuato ad essere se stessa, chiedendo a tutti come andava la loro vita e non lamentandosi mai”.

La famiglia era lì il giorno in cui è morta. Aveva condiviso ricordi felici quando è sembrato che Elaine si addormentasse.

Poi ha iniziato a parlare, rivolgendosi alla sorella Judy morta 25 anni prima! Diceva: “Judy, sei qui! Volevo vederti. Oh sì, sì, Judy. Ti voglio bene”.

“Sappiamo che ha visto sua sorella ed è stato bellissimo sentirla parlare con lei, sapere che ora sono insieme. Poi è morta, così, mentre parlava con la sorella”.

 

Fonte: Patty Knap

(2)

Please like & share:

138total visits,2visits today

Enjoy this blog? Please spread the word :)